sabato, luglio 09, 2005

I cinque libri

Esistono dei giornali, dei mensili, che non si comprano in edicola ma sono distribuiti gratuitamente nei locali, nei cinema, in alcune catene di negozi, che sono più interessanti, brillanti e raffinati di tanti periodici regolarmente in vendita nelle edicole. Questi magazines gratuiti danno molto spazio alle immagini, con foto, disegni, tavole grafiche realizzate spesso dai migliori artisti del momento; parlano di eventi culturali, cinema, musica, libri. Uno di questi è Hot, mensile distribuito in vari locali di Milano, Roma e in tutti i negozi della catena Footloocker. Come immagine rispecchia un po’ i periodici inglesi di taglio giovanile, stile The Face insomma, tanto per semplificare. Il caporedattore è un mio caro e vecchio amico, Pierfrancesco Pacoda, che conosco dai tempi frigidairiani, quando lui era un collaboratore musicale. Sulle pagine letterarie, che sono a cura di Giancarlo De Cataldo, ogni mese uno scrittore indica i suoi cinque libri preferiti. Sul prossimo numero, che uscirà i primi giorni di agosto, toccherà a me. Ho riflettuto a lungo sui cinque titoli, e alla fine ho deciso di non indicare i grandi classici immortali tipo Guerra e Pace o Il Processo, ma libri che ho letto di recente con grande piacere e che spaziano, tutti insieme, in vari campi dell’espressione letteraria. Se qualche lettore del blog vuole indicare i suoi è il benvenuto.

Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi (Adelphi). Ambientato negli anni Novanta durante la rivoluzione islamica kohmeinista, è un lungo racconto che procede su diversi piani temporali. In quegli anni bui, in cui La Tenebra ha preso il potere sulla vita, sul tempo, sull’immaginario, sui sogni, una professoressa di letteratura straniera dell’Università di Teheran cerca di sopravvivere e di salvaguardare le sue studentesse dall’ omologazione e dall’oscurantismo che soffocano ogni libertà. Solo la letteratura, solo la libera espressione, vietate dal regime islamico, possono garantire l’ultimo piccolo spazio di lucidità e di vita.

Come una bestia feroce di Edward Bunker (Einaudi Stile Libero). E’ considerato il capolavoro di Edward Bunker, uno scrittore che ha passato gli anni migliori della sua vita in carcere, dove ha iniziato a scrivere. Max Dembo sta per uscire di galera in libertà vigilata ed è deciso a chiudere col crimine. Vuole rifarsi una vita, vuole entrare nell’olimpo dei “normali”, anche a costo di enormi sacrifici. Ma il mondo normale, la società cosiddetta civile, non offrono spazi a un ex galeotto, non gli concedono una seconda opportunità. Così inizia la rivolta di Max Dembo, la rivolta nel crimine, nella rapina a mano armata, sempre in bilico tra la vita e la morte, tra la salvezza e la rovina definitiva.

Il Bell’Antonio di Vitaliano Brancati (Mondadori). Un grande classico del Novecento italiano, da cui è stato tratto un famoso film con Marcello Mastroianni. Siamo nella Sicilia profonda, la Sicilia fascista, dove gli uomini maschi sembrano avere un’unica ossessione: il gallismo più estremo. Scritto in uno stile originalissimo, con dialoghi martellanti e folli, in una dimensione di demenza che lo configurano come un grande romanzo nero, segue il triste destino di un ragazzo bellissimo, desiderato da tutte le donne, invidiato da tutti gli uomini, che soffre, in realtà, di impotenza. Questa sua “mancanza”, questa sua “malattia”, nella società dominata da un’ossessione, fanno di Antonio un infelice e l’ultimo dei paria.

L’Ultima Legione di Valerio Massimo Manfredi (Mondadori). Tiziano Scarpa ha inventato per loro, per gli scrittori di romanzi d’avventura, storici, in costume, gli scrittori di gialli, di noir, il termine “narrificatori”. E questo è un capolavoro della narrificazione storica, scritto da un archeologo: è ambientato nel ‘400, quando l’Italia faceva parte dell’Impero romano d’Occidente ormai in fase di dissoluzione. Gli ultimi romani purosangue, depositari dell’antico onore, dell’antica civiltà latina, cercano di portare in salvo l’ultimo degli Imperatori in una fuga avventurosa attraverso l’Europa sconvolta dalle guerre e dalle invasioni barbariche.

Aforismi di Zurau di Franz Kafka (Adelphi). Kafka ha scritto questi testi brevi forse nell’unico periodo di relativa serenità della sua vita, dal settembre 1917 all’aprile 1918, durante un soggiorno nel minuscolo paesino della campagna boema per curarsi dalla tubercolosi. Lapidari, criptici, straordinariamente nitidi come tutti i prodotti della macchina di scrittura kafkiana, si discostano dalla forma classica dell’aforisma alla Kraus per assumere identità letterarie mutevoli: immagini, parabole, riflessioni rapide e taglienti sulla libertà e le catene, la vita e la morte.

5 commenti:

maline ha detto...

Cinque dei titoli che mi hanno particolarmente colpito, letti o riletti di recente, non nuovi, e che meritano, proprio per questo, una (ri)visitazione.

Uwe Johnson, Congetture su Jakob. (Feltrinelli)
Jakob, impiegato delle ferrovie nella DDR, muore investito da un treno al ritorno da un viaggio nella Germania Ovest. Poiché conosceva tutto su treni e orari, sorgono naturalmente domande sull’accaduto. L’enigma, accompagnato da tentativi di ricostruzioni dettagliate della vita del protagonista, resterà sino all’ultima pagina. Il romanzo colpisce per la tecnica narrative e per le sovrapposizioni e intrecci continui di diversi piani di realtà e stili. Senz’altro un autore da (ri)scoprire.

O’Brian, Il terzo poliziotto. (Adelphi)
L'eternità, gli atomi, la vita e la morte e un misconusciuto filosofo... L’assurdo, solo l’assurdo. Magistralmente messo in scena.

Joy Division, Testi. (Gammalibri)
La band che come nessun’altra ha influenzato, nella sua brevissima apparizione di cometa, gli anni ’80 (e oltre). I testi sono un viaggio nella notte del cuore e dell’anima (“Heart and Soul, one will burn..”). Ovviamente da riascoltare anche la loro musica, cupa, dura, grande.

Julio Cortázar, Il persecutore. (Einaudi)
Johnny Carter (dietro cui si cela Charlie “Bird” Parker) è un saxofonista di grandissimo talento. Così grande la sua genialità, così (auto)distruttiva la vita che conduce. Seguiamo gli ultimi suoi giorni in un misto di dubbio e fascinazione. Sui piatti della bilancia la vita individuale e l’arte assoluta.

Infine qualche cosa di classico (cui periodicamente bisogna tornare per trovare nuovi slanci), visto che sto affrontando uno di quei testi di cui molti sanno molto senza averli però mai letti o di fronte ai quali si alzano le spalle, trattandosi di roba … vecchia. È uno di quei viaggi nel tempo e in universi che raramente nella letteratura riescono ad essere eguagliati:

Il Canto dei Nibelunghi.


Buone letture.

maline

Anonimo 2 ha detto...

Cinque titoli, non è così facile come sembra! Io comunque metterei una qualunque delle storie di Corto Maltese (anche i fumetti vanno bene, no?), poi Romanzo Criminale di De Cataldo, potente, Q di L. Blisset, grande, L'Anatra Messicana di Crumley, superdivertente, e il quinto... se ci vuole un classico metto Siddharta. Anche perché, lo conf. è l'unico che ho letto sul serio, roba forte.

Anonimo ha detto...

I miei cinque libri, quelli che hanno significato molto per me, e sono tutt'ora importanti:

Il partigiano Johnny. Enorme romanzo incompiuto, geniale, avventuroso.

Io, robot. Un classico della fantascienza, un caposcuola, citato da molti autori delle generazioni successive.

L'insostenibile leggerezza dell'essere. Storico, emozionante e struggente.

Anabasi. Più spettacolare di tutti i kolossal tipo Try o Le Crociate.

Decamerone. E' stato l'argomento della mia tesi di laurea. Indimenticabile.

Anonimo ha detto...

ciao baldrus la quarta comm. ha ordinato ben tre copie della tua ultima opera....spero che si avvicini al libro + bello che ho letto in ferie...."l'accademia dei sogni" W.Gibson. te lo consiglio.
piero

Anonimo ha detto...

5 libri, scelta difficile.... li elenco x fasi della mia vita...
PERIODO SCOLASTICO:IN NOME DELLA ROSA U.ECO
PERIODO GIOVANILE:ON THE ROAD J.KEROUAC,FLASH KATMANDU IL GRANDE VIAGGIO C.DUCHAUSSOIS.
RECENTI:I MARI DEL SUD M.V.MONTALBAN,DALIA NERA J.ELLROY.
CIAO
PIERO